menu-icon

Linee guida

Nome file
Vademecuum Linguaggio Inclusivo.pdf
Dimensione
405 KB

Vademecum al linguaggio inclusivo

Sessismo, ageismo, abilismo, razzismo
Come evitare di replicare gli stereotipi attraverso le parole che usiamo in Ateneo

Come è noto, il linguaggio è essenziale alla vita sociale, tuttavia, proprio perché svolge questa funzione così fondamentale, è anche un potente veicolo di stereotipi e pregiudizi.

Il vademecum presente, realizzato da un team multidisciplinare, è parte di un lavoro promosso dal Comitato per le Pari Opportunità dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.
Esso ha esplorato, in particolare, come le parole che adottiamo tutti i giorni possano attivare gli stereotipi legati al genere, all’età, alla disabilità e all’etnia e ha inteso proporre i modi per evitare di propagarli, con l’auspicio che la comunità universitaria possa diventare sempre più un ambiente dove le persone si sentano a proprio agio, indipendentemente dalle proprie caratteristiche, provenienze, orientamenti.

Ispirate dall’ampia riflessione maturata su questi temi e dalle principali best practice in ambito nazionale e internazionale, le regole che vengono indicate vogliono fornire la base per una verifica e revisione delle consuetudini comunicative dell’Ateneo, coerentemente con le indicazioni del Gender Equality Plan.

Inoltre, avendo come oggetto di indagine una materia viva e quindi mutevole come le espressioni linguistiche, le note seguenti vanno intese come suggerimenti e saranno suscettibili di variazioni, sulla base dei cambiamenti culturali ai quali il linguaggio è costantemente sottoposto.

Nome file
Vademecuum Linguaggio Inclusivo.pdf
Dimensione
405 KB
Scarica il vademecum
scroll-top-icon