ENPortaliCerca

Facoltà di Scienze Linguistiche e Letterature Straniere

Scienze linguistiche

Milano

Anno accademico 2022/2023

Durata 3 anni

Lingua Italiano

Classe di laurea L-12 (Mediazione linguistica)


Programmi, orari lezioni, esami di profitto - a.a. 2021/22


Struttura del corso

Il corso di laurea si articola nei due curricula: Lingue straniere applicate (Applied foreign languages) e Lingue, letterature e comunicazione (Languages, literatures and communication).

Ogni curriculum contiene:

  • due cicli triennali di lingue;
  • un ciclo di due/tre esami di scienze linguistiche;
  • un ciclo organico di sei/nove esami specifici per ciascun curriculum, rispondenti alle richieste di servizio linguistico/professionale diffuse nella società e inteso a costituire una specifica professionalità.

La Facoltà offre la possibilità di partecipare a stages professionali, organizzati in accordo con enti pubblici e privati.

 

Lingue, letterature e comunicazione (Languages, literatures and communication)

Il curriculum è pensato per chi alla passione per le lingue affianca la passione per la letteratura e il settore dei media, dall’editoria libraria a quella periodica internazionale, dal campo della comunicazione in genere (sognando, per esempio, di diventare traduttore o interprete) a un più specifico interesse per la ricerca universitaria o l’insegnamento.

Struttura dei curricula: i profili
Il curriculum è suddiviso in due profili:

  • Lingue, comunicazione, media e culture digitali
  • Lingue e letterature stranier

Scegliere Lingue, letterature e comunicazione significa diventare un professionista con un bagaglio culturale ampio, diversificato e ideale per diversi settori della comunicazione nazionale o internazionale. In particolare il profilo in Lingue, comunicazione, media è pensato per chi vuole diventare un corrispondente in lingue estere, un tecnico delle attività ricreative, comunicative e mediatiche. Il profilo in Lingue e letterature straniere invece ha idealmente come sbocco, oltre ai percorsi magistrali orientati all’insegnamento, tutte le attività che comportano spessore culturale e solida preparazione umanistica. Permette infatti di coniugare la competenza linguistica generale con tutte le funzioni che implicano gradi più o meno elevati di creatività e di riflessione sul prodotto testuale (traduzione letteraria, lavoro di redazione, scrittura creativa, ecc.).

Il piano di studio prevede l’acquisizione di:

  • 90 Cfu di Lingua e linguistica o Lingua e letteratura afferenti a due lingue straniere
  • 8 Cfu di Attività formative nell’ambito della Filologia e linguistica generale e applicata
  • 8 Cfu di Attività formative nell’ambito della Lingua e letteratura italiana e letterature comparate

Profilo Lingue, comunicazione, media e culture digitali

Il profilo è ideato per offrire conoscenze tecniche, teoriche e applicate dei settori disciplinari tipici delle scienze comunicazionali nelle loro diverse articolazioni: giornalismo, radio, televisione, pubblicità.

Profilo Lingue e letterature straniere

Il profilo è finalizzato alla formazione di quanti vogliano spendere le competenze linguistiche in ambito letterario, culturale e umanistico. Oltre a fornire una solida preparazione letteraria nell’ambito delle principali letterature europee, a partire da quella italiana, mira infatti al conseguimento di un’ampia competenza linguistica sia a livello pratico sia teorico-storico. Il profilo permette di accedere ai percorsi magistrali orientati all’insegnamento o di svolgere tutte le attività che comportano spessore culturale e ampia preparazione umanistica. In particolare, permette di coniugare la competenza linguistica generale fornita dal corso di laurea con tutte le funzioni che implicano gradi più o meno elevati di creatività e di riflessione sul prodotto testuale (traduzione letteraria, lavoro di redazione, scrittura creativa, ecc.). All’interno del piano di studi sono consigliati gli insegnamenti (linguistici o letterari) afferenti alle lingue di specializzazione scelte.

Lingue straniere applicate (Applied foreign languages)

Studiare Lingue straniere applicate significa acquisire una salda e accurata competenza linguistica e letteraria, unita a una congruente capacità di mediare tra contesti diversi e operare nella complessità di una società aperta alle relazioni e alle innovazioni del mondo contemporaneo, con una specificità rispondente ai profili professionali prescelti. È un percorso che permette di arrivare al traguardo con un “plus” spendibile soprattutto in ambito aziendale e manageriale: una solida competenza linguistica unita a una formazione economico-giuridica.

Struttura dei curricula: i profili
Il curriculum Lingue straniere applicate si articola nei seguenti profili curriculari, ideati per proporre una combinazione di insegnamenti equilibrata e completa, pur nell’ambito delle attività formative opzionali, e realizzare determinate vocazioni culturali e professionali:

  • Lingue per l’impresa
  • Lingue per il management e il turismo

Dall’a.a. 2016/2017, per gli studenti del Profilo in Lingue per l’impresa, è attivato un doppio titolo di studio (Double Degree) con la Beijing Language and Culture University (Cina) (per informazioni e presa visione dei piani di studio si consultino la pagina web della Facoltà www.unicatt.it/scienzelinguistiche nonché il sito ucscinternational.unicatt.it/double-degrees).

Laurearsi in Lingue straniere applicate significa diventare un professionista delle relazioni internazionali, sia da un punto di vista linguistico sia economico e giuridico relativo ai problemi di gestione del turismo o di singole imprese o realtà istituzionali a livello regionale, nazionale e internazionale. La scelta del profilo curriculare permette di sviluppare una specifica professionalità per un mirato ingresso nel mondo del lavoro come tecnico della gestione e mediazione interculturale e internazionale o tecnico della gestione di impresa.

Il piano di studio prevede l’acquisizione di:

  • 74 Cfu di Lingua e linguistica o Lingua e letteratura afferenti a due lingue straniere
  • 8 Cfu di Attività formative nell’ambito della Filologia e linguistica generale e applicata
  • 8 Cfu di Attività formative nell’ambito della Lingua e letteratura italiana e letterature comparat

Profilo Lingue per l’impresa

Il profilo è pensato per chi vuole occuparsi di gestione d’azienda, con  una  solida  formazione  economico-giuridica  di  base  che  lo  abiliti  alla  gestione  di  rapporti  internazionali  di  un’azienda  italiana o europea o nell’ambito della globalizzazione dei mercati.

Nota: Le due lingue di studio potranno essere scelte tra le se-guenti: francese, inglese, russo, spagnolo, tedesco (obbligatoria una  delle  cinque)  e  inoltre  arabo  (al  corso  saranno  ammessi  al  massimo  80  iscritti)  o  cinese  (al  corso  saranno  ammessi  al  massimo 80 iscritti).

Profilo Lingue per il management e il turismo

Il profilo fornisce un’ampia formazione economico-giuridica dedicata ai problemi della gestione del turismo nonché una approfondita competenza culturale (letteraria, storica, artistica) che permette la formazione di una figura professionale altamente qualificata.

Nota: le due lingue di studio potranno essere scelte tra le seguenti: francese, inglese, russo, spagnolo, tedesco

Torna al menu