ENPortaliCerca

Facoltà di Scienze Linguistiche e Letterature Straniere

Scienze linguistiche

Milano

Anno accademico 2022/2023

Durata 3 anni

Lingua Italiano

Classe di laurea L-12 (Mediazione linguistica)


Curriculum: Lingue straniere applicate (Applied foreign languages) - A.A. 2019/20

I piani di studio qui pubblicati potranno subire modifiche; quelli di riferimento ufficiale saranno presentati nella Guida specifica di Facoltà.


Studiare Lingue straniere applicate significa acquisire una salda e accurata competenza linguistica e letteraria, unita a una congruente capacità di mediare tra contesti diversi e operare nella complessità di una società aperta alle relazioni e alle innovazioni del mondo contemporaneo, con una specificità rispondente ai profili professionali prescelti.

È un percorso che permette di arrivare al traguardo con un “plus” spendibile soprattutto in ambito aziendale e manageriale: una solida competenza linguistica unita a una formazione economico-giuridica.

Struttura dei curricula: i profili

Il curriculum Lingue straniere applicate si articola nei seguenti profili curriculari, ideati per proporre una combinazione di insegnamenti equilibrata e completa, pur nell’ambito delle attività formative opzionali, e realizzare determinate vocazioni culturali e professionali:

  • Lingue per l’impresa
  • Lingue per il management e il turismo

Dall’a.a. 2016/2017, per gli studenti del Profilo in Lingue per l’impresa, è attivato un doppio titolo di studio (Double Degree) con la Beijing Language and Culture University (Cina) (per informazioni e presa visione dei piani di studio si consultino la pagina web della Facoltà www.unicatt.it/scienzelinguistiche nonché il sito ucscinternational.unicatt.it/double-degrees).

Sbocchi professionali

Laurearsi in Lingue straniere applicate significa diventare un professionista delle relazioni internazionali, sia da un punto di vista linguistico sia economico e giuridico relativo ai problemi di gestione del turismo o di singole imprese o realtà istituzionali a livello regionale, nazionale e internazionale.
La scelta del profilo curriculare permette di sviluppare una specifica professionalità per un mirato ingresso nel mondo del lavoro come tecnico della gestione e mediazione interculturale e internazionale o tecnico della gestione di impresa.

Il piano di studio prevede l’acquisizione di:

  • 74 Cfu di Lingua e linguistica o Lingua e letteratura afferenti a due lingue straniere
  • 8 Cfu di Attività formative nell’ambito della Filologia e linguistica generale e applicata
  • 8 Cfu di Attività formative nell’ambito della Lingua e letteratura italiana e letterature comparate

Insegnamenti del piano degli studi

Per programmi, orari lezione e appelli d'esame clicca qui.

Profilo Lingue per l’impresa

Il profilo è pensato per chi vuole occuparsi di gestione d’azienda, con una solida formazione economico-giuridica di base che lo abiliti alla gestione di rapporti internazionali di un’azienda italiana o europea o nell’ambito della globalizzazione dei mercati.

Nota: Le due lingue di studio saranno, a scelta, una delle seguenti: francese, inglese, russo, spagnolo, tedesco, arabo (sono previsti 80 posti), cinese (sono previsti 80 posti).

Profilo Lingue per il management e il turismo

Il profilo fornisce un’ampia formazione economico-giuridica dedicata ai problemi della gestione del turismo nonché una approfondita competenza culturale (letteraria, storica, artistica) che permette la formazione di una figura professionale altamente qualificata.

Corsi di Teologia

Nel piano di studio di ogni corso è prevista la frequenza ai corsi di Teologia, per offrire una conoscenza motivata, ragionata e organica della fede cattolica.
Il programma si svolge nei tre anni in ragione di 3 ore settimanali per 12 settimane e si articola nelle tematiche seguenti: I anno: Questioni fondamentali: la fede cristologica e la scrittura; II anno: Questioni di antropologia teologica ed ecclesiologia; III anno: Questioni teologiche di etica e morale cristiana.

Torna al menu