menu-icon
Scadenza Iscrizione : 31 ottobre 2024

Facoltà di : MEDICINA E CHIRURGIA

Infermieristica di famiglia e di comunità

Brescia

Anno Accademico
2024/2025
Lingua
Italiano
Tipologia Master
Master I livello
Frequenza
Full time
Modalità
In presenza

Fondazione Poliambulanza, Istituto Ospedaliero – Brescia

 

L’Università Cattolica del Sacro Cuore, per iniziativa della Facoltà di Medicina e chirurgia “A. Gemelli” (in collaborazione con Fondazione Poliambulanza Istituto Ospedaliero, Via Bissolati 57 - 25124 Brescia,  Tel. 030/35151) attiva, per l’anno accademico 2024/25, la III edizone del Corso di Master Universitario di primo livello in  Infermieristica di famiglia e di Comunità.

Il Master universitario di primo livello ha la durata di un anno accademico per complessivi 60 crediti, pari a 1500 ore.

Il Master avrà luogo presso la sede esterna di Fondazione Poliambulanza, Istituto Ospedaliero – Brescia.

 

Presentazione del master

Il corso promuove lo sviluppo di competenze infermieristiche orientate alla salvaguardia del patrimonio di salute delle comunità locali, specialmente per quanto riguarda la prevenzione e cura delle malattie croniche, il supporto alle fragilità, la promozione di sani stili di vita, valorizzando anche il contributo dei singoli cittadini e delle forze sociali.

Il costante mutamento dei bisogni e dei problemi di salute, l’affermazione dei principi che sostengono la promozione e la tutela della salute, l’evoluzione normativa che sottolinea l’importanza di potenziare i servizi a livello territoriale e l’appropriatezza dei ricoveri ospedalieri, impongono la necessità di formare professionisti con competenze specificamente orientate all'Assistenza Primaria.

Le patologie croniche sono una priorità dell'Assistenza Primaria; la prima sfida è rappresentata dalla loro prevenzione, attraverso strategie intersettoriali che promuovano lo sviluppo di ambienti di vita favorevoli alla salute. Ciò richiede la presenza di professionisti con competenze avanzate, ossia preparati ad agire con interventi appropriati, sostenibili e adeguati ai contesti di vita delle persone. L’assistenza rivolta alla comunità, intesa sia come insieme di gruppi, sia come singole persone, richiede inoltre un approccio continuativo e multidisciplinare affinché le cure siano efficaci. Per garantire la continuità di presa in carico da parte delle strutture territoriali, la pianificazione strategica regionale sta puntando verso una nuova architettura “a rete” del sistema di offerta dei servizi ospedalieri e territoriali.

Il Master Universitario in “Infermieristica di Famiglia e di Comunità” ha lo scopo di formare professionisti sanitari che sappiano operare in tutte le diverse tipologie di servizi dell'Assistenza Primaria (domicilio, servizi territoriali, ambulatoriali, residenziali e semiresidenziali) con specifiche competenze relazionali, organizzative e clinico assistenziali orientate alla promozione della salute, alla gestione e prevenzione primaria, secondaria e terziaria delle cronicità, alla palliazione nel contesto dell'Assistenza Primaria.

Al termine del Master lo studente sarà in grado di:

  • Conoscere i principi e i contenuti che caratterizzano l'Assistenza Primaria;
  • Definire un profilo di comunità (ambiente e contesti di vita, salute della
  •  collettività, salute di genere, epidemiologia delle malattie croniche, …);      
  • Promuovere e sostenere lo sviluppo di reti intersettoriali e di servizi per la promozione della salute e di sani stili di vita;
  • Sviluppare conoscenze rispetto alla health literacy;
  • Sviluppare le abilità di counselling individuale e familiare, la conduzione di colloqui motivazionali e le competenze nella comunicazione verso la comunità;
  • Gestire strategie assistenziali globali, continue, tempestive e di elevata qualità in risposta ai bisogni di salute e ai problemi fisici, psicosociali complessi, reali o potenziali, che possono manifestarsi nelle persone dalla nascita alla fine della vita;
  • Realizzare un’assistenza centrata sui problemi di salute e sulle necessità della persona assistita e/o la famiglia in relazione all’età, al grado di autonomia, al bisogno di mantenere e sviluppare legami affettivi e sociali;
  • Promuovere l’educazione terapeutica e l’empowerment della famiglia, della persona e del caregiver;
  • Contribuire alla promozione della salute attraverso l’educazione alla salute della popolazione, la prevenzione e la diagnosi precoce;
  • Valutare l’efficacia di interventi di prevenzione effettuati nella famiglia, in contesti socio sanitari, territoriali ed educativi.

Il Master è rivolto al personale infermieristico (classe L/SNT01 - LM/SNT01) in possesso di uno dei seguenti titoli:

  • Laurea in Infermieristica conseguita ai sensi del D.M. 509/99;
  • Titolo di studio universitario, per la professione di infermiere, di durata triennale (secondo gli ordinamenti precedenti il D.M. 509/99);
  • Diplomi conseguiti dagli appartenenti alla professione sanitaria di infermiere in base al comma 10, dell'art. 1, della Legge 8 gennaio 2002, n. 1, in possesso di diploma di maturità di durata quinquennale;
  • Titolo equipollente rilasciato all'estero e accompagnato da dichiarazione di valore.

Il numero degli ammessi al Master universitario in  Infermieristica di Famiglia e  di Comunità è fissato in un minimo di 15 e in un massimo di 25.

Per essere ammessi al Master Universitario i candidati dovranno superare una prova orale consistente in una verifica delle conoscenze di base, previa valutazione del curriculum di studio e scientifico/professionale.

Il parere della commissione giudicatrice è insindacabile.

 

Gli sbocchi professionali previsti per coloro che hanno conseguito il titolo di Master universitario in “Infermieristica di Famiglia e di Comunità” sono:

  • Infermiere di famiglia/di comunità;
  • Aggregazioni Funzionali Territoriali (AFT) e Unità Complesse di Cure Primarie (UCCP), studi MMG/PLS;
  • Studi medici ed infermieristici associati;
  • Aziende Socio Sanitarie Territoriali e Strutture di Ricovero e Cura private accreditate;
  • Servizi per la gestione della cronicità;
  • Servizi di promozione della salute;
  • Centri immigrati;
  • Strutture Residenziali e Semiresidenziali per anziani e disabili;
  • Comunità riabilitative;
  • Case di Comunità, Centrali Operative Territoriali (COT);
  • Ospedali di Comunità;
  • Servizi per la continuità assistenziale e l’orientamento nella rete dei servizi sanitari e sociosanitari (équipe di valutazione multidimensionale, servizi ammissioni e dimissioni protette, Punti Unici di Accesso…).