ENPortaliCerca

Facoltà di Lettere e Filosofia

Filologia moderna

Brescia, Via Trieste 17

Anno accademico 2022/2023

Durata 2 anni

Lingua Italiano

Classe di laurea LM-14 (Filologia moderna)


Marco Rizzi, coordinatore del corso, ne descrive le principali caratteristiche

Filologia moderna

La facoltà di Lettere e filosofia è tradizionalmente l’ambito in cui sono confluiti e si sono sviluppati gli studi umanistici. La sua radice è nel sistema degli studi universitari dell’età medioevale, da cui nacque la cultura europea. Non è un caso se padre Agostino Gemelli, accanto agli studi di giurisprudenza, abbia voluto, fin dagli inizi della sua Università, una speciale attenzione per gli studi umanistici. Ma non si è mai trattato di una presenza statica; la facoltà ha espresso sempre, nel corso degli anni, una forte capacità di aggiornarsi.

In linea con la sua identità, la facoltà oggi accetta le nuove sfide alla cultura umanistica; si adegua alle disposizioni della recente ristrutturazione dei corsi di laurea (triennali) e dei corsi di laurea magistrali (biennali), avvalendosi altresì dell’autonomia riconosciuta ai singoli atenei per attingere ai valori coltivati ad alto profilo scientifico. Oltre alle lauree triennali, nell’a.a. 2022/2023 la facoltà di Lettere e filosofia attiva, presso la sede di Brescia, il corso di laurea magistrale in Filologia moderna (LM-14).

Obiettivi formativi

Il corso di laurea magistrale in Filologia moderna intende fornire, da un lato un’indispensabile preparazione metodologica e disciplinare, e formare, dall’altro, professionisti di alta versatilità e di livello avanzato nei campi dell’editoria libraria e multimediale, della conservazione della memoria, dell’elaborazione culturale, dello spettacolo, della promozione di eventi, dell’informazione e della pubblica comunicazione. Lo sviluppo mirato delle competenze e abilità di cui sopra insisterà, a seconda dei casi, sul versante più squisitamente filologico-letterario o su quello della produzione editoriale, sull’orizzonte storico delle vicende politico-sociali, letterarie e culturali o sulle molteplici forme dell’espressività artistica, sulle arti performative e sull’universo mediatico-comunicazionale.