Università Cattolica del Sacro Cuore

Civil Week LAB 11 - 12 giugno 2020
Il primo evento digitale dedicato alle persone, alla solidarietà, all'economia civile


Civil Week LAB: giovedì 11 e venerdì 12 giugno la due giorni (online) dedicata alle persone e alla solidarietà organizzata da Corriere Buone Notizie.

Programma.

La prima settimana di marzo u.s. era programmata per una serie di incontri in presenza: "si tornerà "live" il prossimo anno. Ma nel frattempo per non disperdere le energie e le tante idee nate attorno al progetto, è stato deciso di procedere per tappe di avvicinamento alla nuova data.

Durante la due giorni, molte realtà del Terzo settore su questi stessi temi propongono dirette facebook, videointerviste e Instagram stories che andranno a completare il palinsesto. Per costruire tutti insieme la «città del noi»."

Evento online
#CivilWeekLAB

"La ricchezza delle relazioni: creare comunità al tempo della società liquida. Relazioni sociali e comunità: culture e pratiche" è il titolo del contributo dell’Università Cattolica alla Civil Week Lab 2020, il laboratorio tutto digitale dedicato alle persone, alla solidarietà e all’economia civile.
L’Università partecipa al progetto del laboratorio mettendo in campo l’approccio multidisciplinare che la caratterizza: docenti ed esperti affrontano i temi delle relazioni sociali e delle comunità in particolare nell’ambito delle organizzazioni solidaristiche, di volontariato e di Terzo Settore.

Venerdì 12 giugno, alle ore 10:30, sulla pagina Facebook di Cattolica News e, in contemporanea, sulla pagina Facebook di Corriere Buone Notizie è stato trasmesso il contributo video che raccoglie le interviste ai nostri Docenti:

  • Lucia BOCCACIN, Professore di Sociologia dei processi culturali, Università Cattolica del Sacro Cuor
  • Marco GRUMO, Professore di Economia Aziendale e Coordinatore scientifico di Cattolica per il Terzo Settore, Università Cattolica del Sacro Cuore
  • Pier Cesare RIVOLTELLA, Professore di Didattica e Tecnologie dell’istruzione e dell’apprendimento, Università Cattolica del Sacro Cuore
  • Raffaella IAFRATE, Professore di Psicologia Sociale, Università Cattolica del Sacro Cuore

Evento online:

ASCOLTA LE INTERVISTE AI NOSTRI DOCENTI:
https://youtu.be/UTpNmsheJRI

https://www.facebook.com/watch/?v=900183933835753


"RELAZIONI SOCIALI E COMUNITÀ: CULTURE E PRATICHE"

La società moderna non ha più tanto bisogno di beni, servizi e capitali, quanto piuttosto di relazioni di alta qualità tra le persone. Non è più una questione di quantità, ma di qualità. Lo ha fatto vedere molto bene il covid.
Le organizzazioni di qualità sono quelle che producono relazioni di qualità.
Oggi abbiamo bisogno anche di comunità forti. Solo in questo modo potremo passare a una società più virtuosa ed equilibrata, a livello personale, sociale ed economico.
Il ruolo delle organizzazioni del Terzo Settore è stato fondamentale in questo momento di pandemia e sarà sempre più importante nei prossimi anni per creare qualità vera nelle nostre comunità e nella nostra società a vantaggio veramente di tutti.

Professore Marco Grumo
Coordinatore scientifico di Cattolica per il Terzo Settore

 

Pensiamo che le relazioni sociali siano una ricchezza perché: connettono persone, organizzazioni, soggetti sociali, in primis quelle solidaristiche e di aiuto; consentono di condividere un contesto di significati; generano un risultato nel sociale.
Ognuno si è accorto del valore di tale ricchezza e di averla, poco o tanto, perduta durante il periodo della pandemia: il cosiddetto distanziamento sociale ci ha infatti, privati delle relazioni con gli altri, ci ha resi più soli, disorientati, come se venisse a mancare l’aria per respirare.
La drammatica esperienza vissuta durante la diffusione del Coronavirus ci ha tuttavia resi più consapevoli di tale deprivazione e dell’importanza, per la vita di ciascuno e delle comunità, della presenza di un tessuto relazionale.
Per questo abbiamo voluto mettere a tema della nostra tavola rotonda il nesso che esiste tra relazioni sociali  e comunità. Infatti le relazioni sociali, generando significato, fiducia, reciprocità e collaborazione, consentono la    creazione, il mantenimento e il potenziamento delle comunità intese sia come specifici territori, sia come appartenenze elettive, come sono quelle proprie delle organizzazioni di Terzo Settore.
Tutto questo patrimonio di relazioni nelle comunità è sempre stato indispensabile, ma lo diventa ancor di più oggi a fronte della difficile contingenza che il Paese sta attraversando.
Tale patrimonio che non si vede, ma esiste, può consentire alle persone di ritrovare la speranza per il futuro, alle organizzazioni di Terzo Settore di esprimere una molteplice creatività per aiutare in modo innovativo chi ha bisogno, alle comunità di  trovare nuove strade di sviluppo sostenibile,al Paese intero di ripartire.

Professoressa Lucia Boccacin

ASCOLTA LE INTERVISTE AI NOSTRI DOCENTI:
https://youtu.be/UTpNmsheJRI
https://www.facebook.com/watch/?v=900183933835753