Università Cattolica del Sacro Cuore

Terzo settore, si cambia. Ecco una guida per capire le modifiche in atto


"Avanti, nonostante tutto. In attesa di decreti e precisazioni da parte di Parlamento e governo, il Terzo settore ha aperto la stagione del cambiamento.
Più della metà delle Organizzazioni di volontariato e delle Associazioni di promozione sociale, in queste settimane, ha in programma le assemblee per la modifica degli statuti. Un primo passo importante, dopo la proroga dal 3 agosto prossimo al 30 giugno 2020 concessa per adeguare gli statuti di tutte le realtà interessate dalla Riforma, imprese sociali comprese. L’obiettivo è evitare un disallineamento sui tempi, garantendo un passaggio lineare dal vecchio sistema normativo a quello nuovo. Proprio la natura nuova di questi soggetti sarà la prima sfida da affrontare, mentre cooperative e mondo non profit attendono in questi mesi altri importanti decreti attuativi."

La Riforma del Terzo settore risulta essere la prima Legge organica (riguarda il settore nel suo complesso), dal secondo dopoguerra a oggi, in quanto, in precedenza, sono state fatte leggi di settore (la legge sul volontariato e la legge sulle cooperative sociali nel 1991, il decreto legislativo sulle Onlus, per citare alcuni provvedimenti normativi); questo è il primo punto importante della Legge; il secondo punto, altrettanto importante della normativa, è il fatto che si passa dal regime concessorio al regime del riconoscimento; quest'ultimo è un cambiamento significativo e radicale. Un terzo punto è la costituzione di un Codice che, non solo assembla, ma razionalizza le norme esistenti.
Si tratta evidentemente, quindi, di un cambiamento molto importante; le realtà interessate stanno già compiendo i passi necessari per adeguarsi al nuovo impianto normativo.


Per un maggiore approfondimento: news