info COVID-19

Comunicazione del Direttore amministrativo

L’Università Cattolica del Sacro Cuore, come tutto il sistema universitario, si è trovata a fronteggiare una grave emergenza di sanità pubblica internazionale riferita al contagio da SARS-CoV-2. In tale contesto il nostro Ateneo ha avviato fin da subito un articolato processo, volto a intraprendere tutte le valutazioni e tutte le misure atte a contribuire alla salvaguardia della comunità universitaria.

Applicando tutti i principi utili per assicurare tale salvaguardia, in attuazione delle disposizioni legislative che hanno circoscritto la necessità di garantire i servizi essenziali e di pubblica utilità, è stata disposta la sospensione di tutte le attività didattiche e lavorative in presenza, sostituendole progressivamente con modalità da remoto.

Alla luce di tutti gli adempimenti intrapresi, per continuare il percorso di salvaguardia iniziato e in considerazione dell’evoluzione normativa, l’Ateneo, tenuto conto del suo specifico e articolato contesto, ha avviato nei giorni scorsi l’elaborazione di un proprio documento finalizzato all’adozione delle necessarie misure comportamentali per il contrasto e il contenimento del rischio di diffusione del SARS-CoV-2 negli ambienti di lavoro. Tale documento recante le “Linee guida di comportamento – Protocollo Emergenza epidemiologica da SARS-CoV-2”  anche grazie al contributo delle competenze scientifiche della Facoltà di Medicina e della Fondazione Policlinico “A. Gemelli”, sarà per sua natura in continuo sviluppo, in considerazione della situazione sanitaria in corso, stanti le decisioni che saranno via via adottate in merito all’avviamento e alle modalità di conduzione delle attività nell’Ateneo, oltre che in ragione delle decisioni che saranno adottate dalle Autorità competenti.

Le “Linee guida di comportamento – Protocollo Emergenza epidemiologica da SARS-CoV-2” sono immediatamente efficaci e la loro applicazione deve tenere conto delle indicazioni già fornite (Nota integrativa sulla Fase 2 e sull’applicazione del DPCM 26 aprile 2020) che restano valide sino a nuove disposizioni.

Dott. Paolo Nusiner
Direttore amministrativo dell’Università Cattolica del Sacro cuore

Nota integrativa sulla Fase 2 e sull’applicazione del DPCM 26 aprile 2020

Si segnala a tutta la comunità dell’Università Cattolica del Sacro Cuore quanto segue:

  1. Fino al 31 luglio 2020 restano sospese le attività didattiche svolte in presenza nelle sedi di Milano, Brescia, Piacenza-Cremona e Roma. L’accesso alle sedi sarà consentito soltanto al personale docente e tecnico amministrativo.
     
  2. Continueranno a essere svolte a distanza le lezioni, gli esami di profitto, le prove finali delle tesi di laurea e di dottorato. La modalità telematica è adottata anche per i master e i corsi di perfezionamento, anche quelli abilitanti alle professioni. I calendari accademici sono confermati per evitare ritardi e/o pregiudizi nel percorso formativo degli studenti, salvo differenti specifiche comunicazioni. Confermate anche le attività di ricevimento degli studenti che proseguono a distanza.
     
  3. Dal 4 maggio l’attività di ricerca in sede è consentita a docenti e ricercatori per pratiche individuali che per motivi indifferibili non possono essere svolte da remoto e per l’utilizzo dei laboratori di ricerca, mantenendo gli opportuni distanziamenti per l'utilizzo degli strumenti, per la didattica a distanza e comunque previa comunicazione alla direzione di sede competente: Milano - compilando questa form, Brescia - Presenzesede-BS@unicatt.it, Piacenza-Cremona - Presenzesede-PC@unicatt.it e Roma - presenzesede-rm@unicatt.it.
    Gli orari e i giorni di apertura delle sedi possono essere consultati sui siti dei campus di Milano, Brescia, Piacenza-Cremona e Roma.
     
  4. I servizi nelle sedi (Polo studenti, librerie, stage e placement, orientamento, area internazionale, attività post laurea) continueranno a essere garantiti da remoto in modalità telematica, salvo indifferibili esigenze che richiedano la presenza fisica, che saranno puntualmente gestiti su appuntamento.
     
  5. Le biblioteche universitarie sono aperte solo per usufruire del servizio di prestito e restituzione testi accedendo a turno, uno alla volta, e per appuntamento all’area del desk. Gli ingressi ai locali delle biblioteche sono contingentati, con la presenza di un numero massimo di persone, addetti compresi, tale da garantire l’opportuno distanziamento in ogni luogo. Per questo motivo gli appuntamenti saranno programmati in modo da assicurare un numero di presenze compatibile con le disposizioni riguardanti il distanziamento sociale rispetto agli spazi disponibili.
    Le modalità di fruizione e prenotazione del servizio possono essere consultate sui siti della Biblioteca dei campus di Milano, Brescia, Piacenza-Cremona e Roma.
     
  6. Per le attività lavorative e di ricerca svolte in sede sarà obbligatorio attenersi a quanto stabilito dalle normative e dal Protocollo di Ateneo per la sicurezza e alle disposizioni esposte nei locali dell’Ateneo.

Si informa il personale tecnico amministrativo che in ottemperanza del DPCM 26 aprile 2020 le attività dell’Ateneo, a far data dal 4 maggio, proseguiranno in continuità con le modalità attualmente in essere tenendo conto di quanto illustrato in questa pagina.

I dipendenti per tanto continueranno a svolgere la propria attività dal domicilio; i servizi nelle sedi saranno garantiti da remoto salvo indifferibili esigenze che richiedano la presenza fisica. E’ affidata ai singoli responsabili degli uffici la valutazione delle specifiche esigenze di presenza che dovranno essere preventivamente comunicate alla Direzione di sede competente.

In ogni caso la presenza del personale sarà programmata con turnazioni che garantiscano il rispetto delle regole di distanziamento e di sicurezza necessarie.

Le iniziative

Riorganizzazione logistica degli spazi e standard di sicurezza

Tutte le azioni in “campus”

#SicurezzainCattolica: ne abbiamo parlato sul palco della #OpenWeekUnicatt