ENPortaliCerca

Armida Barelli


Armida Barelli proclamata beata

Il rito di beatificazione si è svolto sabato 30 aprile 2022 nel Duomo di Milano e sarà presieduto da S. Em. il Cardinale Marcello Semeraro, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, in rappresentanza di Papa Francesco.
L'iter di beatificazione, che ebbe inizio nel 1962, si conclude proprio nell’anno del centenario della fondazione dell’Ateneo dei cattolici italiani.

Verso la beatificazione, gli eventi

I prossimi eventi

In onda su Tv2000 alle ore 20.55 il documentario di Monica Mondo (a cura di Cecilia Pronti, regia di Maurizio Carta) realizzato in collaborazione con l’Università Cattolica.

Dalle 8.00 alle 20.00, presso il campus di Largo Gemelli 1 a Milano, sarà possibile visitare la cripta che dal 1953 ospita la tomba di Armida Barelli.

La 98^ Giornata per l’Università Cattolica è strettamente correlata alla beatificazione di Armida Barelli, cofondatrice dell’Ateneo. Il tema della Giornata recita: Con cuore di donna. Al servizio della cultura e della società.

La Santa Messa sarà celebrata in Aula Magna domenica 1 maggio alle ore 11:00 e trasmessa in diretta televisiva su RAI UNO.

Programma della giornata Locandina della Santa Messa

LO SPOT
I 30 secondi del video raccontano il ruolo ispiratore che ancora oggi ha la figura di Armida Barelli per l’Ateneo attraverso un’alternanza di immagini e di parole: parole sue pronunciate da una voce fuori campo e parole di altri a lei dedicate, come quelle di padre Agostino Gemelli e del rettore Franco Anelli.
Una comunità illuminata dallo sguardo di Armida Barelli - da CattolicaNews

Lo spot della GU 2022

L’Azione Cattolica Italiana, l’Istituto Secolare delle Missionarie della Regalità di Cristo e l’Università Cattolica del Sacro Cuore hanno promosso l’ideazione e la realizzazione di una mostra multimediale originale ed estremamente adatta al pubblico contemporaneo.

Si tratta di una mostra pensata contemporaneamente come visitabile sia in uno “spazio digitale” sia in “spazi fisici”.

“Tra Cielo e Terra. Una santità laicale” è visitabile sul sito https://mostra.armidabarelli.net/, con una interfaccia grafica che consente una visita agile e, al contempo, analitica. Si può scegliere una navigazione immersiva sulla homepage, attraverso moduli colorati riferiti ai segmenti principali della vita di Armida Barelli, oppure percorrere la via di una scoperta più classica attraverso le nove Sezioni tematiche principali, ciascuna articolata in vari capitoli di approfondimento; la Linea del tempo, che permette di scoprire le principali date della vita di Armida Barelli; le nove clip video (ciascuna della durata di circa 3 minuti) correlate alle rispettive Sezioni tematiche.

La versione fisica della mostra si manifesta in 15 strutture espositive realizzate per ospitare i 60 pannelli con i contenuti di “Tra Cielo e Terra”: si tratta di strutture leggere, facili da montare, ciascuna costituito da un parallelepipedo di circa 2 metri di altezza dove nelle 4 facciate sono stampati i testi, le fotografie e le grafiche di accompagnamento. Le clip video potranno essere fruite attraverso monitor o proiettori, permettendo di gustare tutti i contenuti della versione online.

In questi giorni la Mostra sarà ospitata negli spazi dell’Università Cattolica a Milano (Scalone d’onore) e verrà successivamente esposta negli altri campus dell’Ateneo.

È possibile contattare la mail dedicata mostrabarelli@gmail.com (raggiungibile anche nell’area “Prenotazioni” del sito) per scoprire come poter acquistare una versione stampata della mostra fisica o come ricevere i disegni di tutti i pannelli per scaricarli e stamparli autonomamente.

L’ideazione e la realizzazione è stata curata da Mediacor srl, una società specializzata in progetti di racconto multimediale, sia attraverso la valorizzazione del patrimonio storico di  Enti ed  Istituzioni, sia attraverso l’allestimento di spazi espositivi temporanei o permanenti, fisici o digitali.

Verso la Beatificazione

Archivio eventi

La cerimonia si è svolta nel Duomo di Milano alle ore 10. 

La diretta dal Duomo di Milano

Per informazioni scrivere a beatificazione.barelli@unicatt.it

La veglia di preghiera in preparazione alla beatificazione presso la Basilica di S. Ambrogio.

Veglia di preghiera per Armida Barelli, «ha contribuito alla dignità delle donne del suo tempo» - leggi l'articolo di  Cattolicanews

Evento organizzato in collaborazione con Istituto Toniolo.

Ore 18.00, Aula Pio XI dell'Università Cattolica

Quel “singolare femminile” che ha fatto la storia - leggi l'articolo di CattolicaNews

Vai all'evento

Primo Festival dei Collegi dell’Ateneo, un’iniziativa promossa dal Rettorato e dalla community Alumni Università Cattolica nel contesto delle celebrazioni del Centenario dell’Università Cattolica, rivolta in particolare agli studenti laureandi di tutti i collegi per riflettere attorno al sapere e alla riscoperta della libertà dell’apprendimento, inteso come accrescimento della cultura personale.

Leggi l'articolo di CattolicaNews

Alle 11,30, in diretta streaming dallo Studio Multimediale dell’Università Cattolica, tutte le informazioni sulla cerimonia del 30 aprile per la beatificazione di Armida Barelli e del sacerdote milanese don Mario Ciceri.

Nell’occasione verrà proiettata una breve anteprima del documentario Armida Barelli. Essere per agire.

Guarda la diretta Leggi l'articolo di Cattolicanews

In vista della beatificazione di Armida Barelli e in occasione della Giornata Universitaria, promossa dall’Istituto Toniolo, ente fondatore dell’Ateneo sarà riproposto in Università Cattolica del Sacro Cuore lo spettacolo teatrale "1921. Sull'orlo del futuro". I due autori e protagonisti,  Paolo Colombo e Chiara Continisio,  restituiscono l’atmosfera, il clima e la temperie di quell’anno, per lo più trascurato dalle ricostruzioni storiche, eppure inizio di un decennio altrove definito “ruggente”, e preludio di altri, drammatici, cambiamenti.

Di e con Paolo Colombo e Chiara Continisio
Immagini e suoni: Stefano Tumiati

1921: quando l'avventura della Cattolica iniziò sull'orlo del futuro - CattolicaNews

Il racconto della serata - vai alla gallery

Nei giorni immediatamente precedenti la beatificazione di Armida Barelli, il collegio Marianum ha inteso esprimere la sua riconoscenza alla cofondatrice dell’Università Cattolica per aver fortemente voluto l’istituzione del collegio femminile, in anni in cui l’Ateneo dei cattolici italiani aveva altre priorità, considerando che vari convitti religiosi avrebbero comunque offerto ospitalità a chi veniva a studiare dalle lontane regioni italiane, soprattutto del Sud.

Leggi l'articolo di Cattolicanews

Una tovaglia per l’altare di Armida Barelli realizzata dai sarti rifugiati politici in Italia accolti dall’Associazione Francesco Realmonte che, in stretta collaborazione con l’Università Cattolica di cui promuove i principi ispiratori e le finalità istituzionali, sostiene, tutela e promuove i diritti della persona con particolare riguardo ai soggetti minori e a quelli che vivono situazioni di disagio.

Leggi l'articolo di CattolicaNews

In queste settimane tanti eventi e pubblicazioni desiderano far conoscere la figura di Armida Barelli in vista della sua beatificazione che avverrà sabato 30 aprile. L’interesse per la sua persona riguarda i molteplici campi del suo agire nella prima metà del secolo scorso quale cofondatrice dell’Università Cattolica oltre che attiva in molteplici attività ecclesiali, culturali, sociali, spirituali che vedevano la promozione della donna nella società e nella chiesa.

Leggi l'articolo di Cattolicanews

Le interviste ai relatori:  Roberto Cauda, Maria Caterina Silveri, Barbara Pandolfi e Elena Esposito

«Ci sono molti modi per accostare le biografie. Uno più semplice è quello di cominciare dalla gioventù e seguire le tappe della vita, un altro è quello di dare la parola alla diretta interessata. Armida Barelli nel suo Diario spirituale, rivolgendosi alla Gioventù femminile di Azione Cattolica, scrive: “Non accontentatevi di essere buone alla buona”».

Leggi l'articolo di Cattolicanews

Locandina dell'evento

Intervista ai relatori Tiziana Ferrario e Aldo Carera

In occasione del centenario dell’Università Cattolica e del ventennale dell’istituzione dell’ala femminile del collegio Sant’Isidoro di Piacenza

Locandina dell'evento

«L’idea che la vita sia una vocazione per Armida Barelli era il senso». Un tema a cui la sensibilità contemporanea è poco incline ma che racconta l’attualità e la provocazione della sua figura. Così l’Arcivescovo di Milano e presidente dell’Istituto Toniolo monsignor Mario Delpini ha introdotto la figura della co-fondatrice dell’Ateneo durante il primo di tre incontri (8 marzo, 1 e 29 aprile) verso la sua beatificazione il prossimo 30 aprile e la Giornata dell’Università Cattolica il 1° maggio intitolata “Con cuore di donna”.

Leggi l'articolo di Cattolicanews

Nell’anno del Centenario dell’Università Cattolica e nell’approssimarsi della beatificazione di Armida Barelli è giusto e opportuno evidenziare non solo le idee e le intenzioni dei protagonisti che portarono, tra difficoltà di ogni genere, a fondare l’Ateneo dei cattolici italiani, ma anche cogliere la loro forte personalità e il contributo che hanno dato al Paese nelle loro varie imprese.

Leggi l'articolo di Cattolicanews

Il video messaggio dell’arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini

A una donna determinata e infaticabile, che ha segnato la prima metà del Novecento, promuovendo iniziative laicali, soprattutto rivolte alla componente femminile del Paese è dedicato il volume Armida Barelli. Nulla sarebbe stato possibile senza di lei.

Leggi l'articolo di Cattolicanews

Locandina dell'evento

Dalla Puglia ritornano in visibilità a Milano gli scritti di Armida Barelli, quasi a restituire quella passione che l’aveva spinta un secolo fa, partendo proprio da Milano, a percorrere la penisola italiana attraverso tutte le diocesi per promuovere la Gioventù Femminile di Azione Cattolica e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

Leggi l'articolo di Cattolicanews

La fondazione dell’Università Cattolica, l'impegno e l'amore per il Sacro Cuore

Armida Barelli è stata una figura eccezionale di donna che ha lasciato una traccia significativa nella Chiesa ma anche nella cultura e nella società italiana “a cavallo fra due secoli”, l’Ottocento e il Novecento. I versanti della sua notevole attività sono differenti aspetti di un medesimo impegno di collaborazione caratterizzato da un legame ideale: l’amore per il Sacro Cuore.

I contributi: la storia e la figura di Armida

Armida Barelli, santità laicale al femminile

La vita di Armida Barelli attraverso alcuni episodi significativi

Le interviste che delineano i tratti della co-fondatrice dell'Università Cattolica

Il decreto per la beatificazione

Il 20 febbraio 2021 Papa Francesco ha autorizzato la Congregazione a promulgare il decreto riguardante un miracolo attribuito all’intercessione della Venerabile Serva di Dio Armida Barelli.

I commenti e le dichiarazioni sulla beatificazione

Una sorella che accompagna il nostro cammino
e incoraggia la nostra testimonianza

La dichiarazione dell’Arcivescovo di Milano, mons. Mario Delpini

La generatività ecclesiale e civile
della "sorella maggiore" d'Italia

L'intervento su Avvenire di S.E. Mons, Claudio Giuliodori, Assistente Ecclesiastico Generale di Ateneo

Don Andrea Vena del Centro Pastorale dell'Università Cattolica

Note biografiche

1882 - 1 dicembre. Armida Barelli nasce a Milano da Napoleone Barelli e Savina Candiani.
1895/1900 Studia nel collegio svizzero di Menzingen gestito dalle suore di Santa Croce, dove consegue il diploma magistrale.
1909 Collabora con Rita Tonoli, fondatrice della “Piccola Opera per la salvezza del Fanciullo”, nell’aiuto di orfani e bambini abbandonati in precarie condizioni.
1910 - 11 febbraio. Conosce Padre Gemelli.
1913 - 30 maggio. Emette in Duomo, davanti alla Madonna dell’Albero, il voto di castità.
1916 Conosce il conte Ernesto Lombardo, che sosterrà le sue opere dal punto di vista economico.
1917 - 1° venerdì del mese di gennaio. Avviene la consacrazione dei militari italiani al Sacro Cuore grazie alla collaborazione con padre Gemelli.
1918 - 20 gennaio. E’ nominata amministratore unico della nuova Società editrice “Vita e pensiero”.
1918 - 17 febbraio. Su incarico dell’arcivescovo cardinal Ferrari dà inizio alla Gioventù Femminile Cattolica milanese, assumendo la carica di presidente.
1918 - 28 settembre. E’ nominata da papa Benedetto XV presidente nazionale della Gioventù Femminile.
1919 - 2 aprile. Per la prima volta si riunisce il Comitato promotore dell’Università Cattolica, in cui assume l’incarico di cassiera.
1919 - 19 novembre. Si consacra con undici sorelle nel coretto di Santa Chiesa in Assisi, ponendo le basi del futuro Istituto secolare delle Missionarie della Regalità di Nostro Signore Gesù Cristo.
1920 Inizia l’Opera Missionaria della Gioventù Femminile a Sian-Fu (Cina settentrionale), intitolata “Istituto Benedetto XV”.
1921 - 15 novembre. Su proposta di Armida Barelli, è istituita da Benedetto XV l’associazione Amici dell’Università Cattolica.
1921- 7 dicembre. Inaugurazione dell’Università Cattolica.
1924 Dopo varie richieste di Armida, Pio XI ufficializza la Giornata universitaria da svolgersi ogni anno nella Chiesa italiana.
1928 Promuove insieme a padre Gemelli la fondazione dell’Opera della Regalità per la maggior comprensione e vitalità della liturgia.
1933 - 21 giugno. Inaugurazione della prima “Oasi” ad Assisi.
1946 Lascia la presidenza della Gioventù Femminile. Il 14 ottobre su nomina pontificia assume l’incarico di vicepresidente generale per le associazioni femminili dell’Azione Cattolica.
1950 Primi segni della malattia.
1951 - 22 ottobre. Ultima udienza da papa Pio XII.
1952 - 15 agosto. Muore a Marzio.
1953 - 8 marzo. Per volere di padre Gemelli e della Giunta direttiva, il suo corpo viene traslato nella cripta dell’Università Cattolica.
1962-  17 luglio. Inizia in diocesi di Milano il processo di beatificazione.
2021 - 20 febbraio Papa Francesco autorizza la Congregazione delle Cause dei Santi a promulgare il decreto riguardante un miracolo attribuito all’intercessione della Venerabile Serva di Dio Armida Barelli
2022 - 30 aprile Beatificazione