Università Cattolica del Sacro Cuore

Relazioni d'aiuto in contesti di sviluppo e cooperazione nazionale ed internazionale
Master di I livello
XIV edizione


Il Master approfondisce i processi relazionali che coinvolgono gli attori di una relazione orientando i partecipanti verso esperienze d’incontro costruttive e propositive. Oltre a fornire un quadro generale sulle tematiche dei diritti umani, sulle convenzioni internazionali ed il ruolo della cooperazione per costruire concreti processi resilienti, il programma offre alcuni degli approcci metodologici e operativi necessari per l’attivazione di progetti di cooperazione, sviluppo e assistenza agendo sulle relazioni all’interno di contesti d’aiuto orientati alla reciproca collaborazione. Durante il Master, il corsista è sempre invitato alla rielaborazione dei contenuti in modo da integrarli consapevolmente con le proprie vicende personali. Il percorso didattico si avvale spesso di esperienze applicative, come lezioni presso enti o analisi di scenari d’intervento dove l’Università Cattolica ha operato sul campo in Italia e all’estero. La proposta formativa si avvale quindi di competenze interdisciplinari e di reti di esperti finalizzate ad organizzare piani operativi al servizio della persona in contesti di vulnerabilità dalla migrazione alle calamità fino alla marginalità sociale promuovendo quei processi di resilienza comuni a ogni essere umano.


Struttura

Il percorso di formazione ha una struttura modulare che abbina i contenuti didattici ad esperienze laboratoriali e di contatto con l’utenza promuovendo spazi di riflessione sulla relazione di aiuto in contesti nazionali ed internazionali in modo da integrare i diversi contenuti e le molteplici esperienze proposte nel percorso formativo.

Il master è strutturato in 1500 ore distribuite nell'arco di un anno accademico, corrispondenti a 60 CFU.
Struttura Part time: le lezioni si svolgono da gennaio a novembre 2021, i venerdì dalle 14.00 alle 19.00 e i sabato dalle 9.00 alle 18.00.


Programma

Il programma formativo è strutturato in corsi fondamentali che introducono ai processi riflessivi, interculturali, socio-economici e istituzionali-politici indispensabili ad operare in scenari di sviluppo e cooperazione e in aree di approfondimento utili alla comprensione dei contesti e all’esercizio costruttivo e resiliente della professione d’aiuto.


Profilo professionale

Gli sbocchi professionali aperti dal Master sono quindi molteplici nell’ambito delle organizzazioni del Terzo Settore e non solo che operano a livello umanitario e socio-assistenziale, dove è richiesta una figura professionale capace di flessibilità e in grado di analizzare scenari complessi disponendo, attraverso un lavoro d’équipe, interventi psico-socio-pedagogici utili a contrastare le condizioni di esclusione e vulnerabilità.

I corsisti possono impiegarsi negli Enti del Terzo Settore (ETS) come organizzazioni di volontariato, cooperative sociali, Fondazioni, ONLUS, ONG e Organizzazioni Internazionali oppure in aziende profit interessate a sviluppare la CSR (Responsabilità sociale d’impresa) quale espressione di collaborazione con il no-profit sollecitata dalla nuova legge sulla cooperazione. L’attitudine del Master consiste nel promuovere le personali competenze trasversali, quali flessibilità, attenzione alle risorse, lavoro d’equipe e abilità di problem solving in termini di sviluppo favorendo la capacità di analisi sugli scenari mutevoli e la tenace promozione di una relazione di aiuto orientata alla collaborazione reciproca e alla resilienza.

Scadenza domanda di ammissione: 28 gennaio 2021


Per informazioni e contatti visita le pagine dedicate