Per la terza missione

L’Università Cattolica – accanto alle due attività tradizionali degli atenei, formazione e ricerca – da sempre dedica una speciale attenzione al proprio contributo alla società, mediante la valorizzazione e il trasferimento delle conoscenze, in armonia con i principi fondanti del cattolicesimo sociale che costituiscono il cardine della propria identità.

In conformità alla sua missione e alla sua configurazione, l’Università Cattolica partecipa attivamente alla vita culturale e sociale secondo un approccio geografico che può essere ricondotto a tre cerchi concentrici:

  • numerose attività si rivolgono ai territori sui quali direttamente insistono le proprie sedi, sia valorizzando le discipline sviluppate al proprio interno, sia rispondendo alle problematiche suscitate dal contesto locale;
  • in quanto Ateneo dei Cattolici italiani, molte delle attività di Terza missione riguardano l’intero Paese. Si pensi, ad esempio, al contributo dato al dibattito nazionale su temi centrali quali la vita, la famiglia, il modello economico da perseguire, la tutela dei beni culturali del Paese;
  • il cerchio più ampio è quello internazionale. Da questo punto di vista, l’Università Cattolica pone in essere un portafoglio di attività riconducibili alla cooperazione internazionale, caratterizzato per varietà di contenuti, ambiti geografici e impatti generati (cfr. art. 7 Statuto).

Per quanto riguarda, infine, un tema centrale come la tutela della salute, la Terza missione dell’Università spicca per le molte attività realizzate dai vari centri del Policlinico Gemelli nei tre ambiti appena ricordati.

Nella ideazione, progettazione e implementazione delle attività di Terza missione sono coinvolti – con compiti e responsabilità proprie – diversi attori interni all’Università. Ognuno di essi concorre a realizzare, attraverso l’ottimizzazione delle competenze presenti al proprio interno, il disegno organico delle iniziative che l’Ateneo rivolge alla società nel suo complesso.

 

 

 

Tutte le strutture e le policies di cui l’Università Cattolica si è dotata in questi anni per lo sviluppo delle proprie attività di Terza missione sono espressione dell’organizzazione unitaria dell’Ateneo e sono volte a promuovere e coordinare le libere iniziative dei singoli soggetti.

A livello centrale l’Università Cattolica si è dotata, nell’ambito del suo Piano strategico, di strumenti propri per la promozione della Terza missione, a partire da una struttura organizzativa e di governance che fa capo al Rettore e al Direttore amministrativo, e che prevede un Delegato del Rettore ai rapporti con le imprese e, per le attività specifiche, di un Delegato del Rettore per la ricerca e di uno per lo sviluppo della rete degli Alumni. L’integrazione delle attività è garantita da una corrispondente struttura amministrativa, con al proprio interno Funzioni e Uffici specificamente dedicati al lifelong learning, alle business partnership, alla consulenza e ai progetti, al fund raising, agli Alumni, oltre naturalmente che alla ricerca in senso proprio.