Università Cattolica del Sacro Cuore

Norme per mantenere la sicurezza in Università: sicurezza, salute e ambiente

Per quanto riguarda la Sicurezza, la Salute e l’Ambiente, l’Università Cattolica del Sacro Cuore ha come obiettivo strategico la salvaguardia dei dipendenti, docenti e non docenti, ricercatori, dottorandi, tirocinanti, borsisti, studenti e visitatori, nonché la tutela degli ambienti e dei beni utilizzati per lo svolgimento delle proprie attività istituzionali secondo quanto previsto dalla missione dell’Ente.

Compito di tutti, docenti, studenti e personale amministrativo è di collaborare al perseguimento dell’obiettivo sopra menzionato, verificando costantemente che siano rispettate le condizioni necessarie al mantenimento della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e che siano conosciute e costantemente applicate le procedure; in caso contrario è compito di ognuno segnalare le situazioni potenzialmente pericolose, collaborando con i servizi preposti al continuo miglioramento delle prassi e procedure di svolgimento delle attività istituzionali.

Anche gli studenti possono contribuire al miglioramento della sicurezza (in osservanza delle norme vigenti), con il seguente comportamento:

  1. osservare le disposizioni e le istruzioni impartite ai fini della protezione collettiva e individuale;
  2. utilizzare correttamente i macchinari, le apparecchiature, gli utensili, le sostanze e i dispositivi di sicurezza;
  3. utilizzare in modo appropriato i dispositivi di protezione messi a loro disposizione;
  4. segnalare immediatamente al personale preposto le deficienze dei mezzi e dispositivi, nonché le altre condizioni di pericolo di cui vengano a conoscenza, adoperandosi direttamente, in caso di emergenza, nell’ambito delle loro competenze e possibilità, per eliminare o ridurre tali deficienze o pericoli;
  5. non rimuovere o modificare senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza o di segnalazione o di controllo;
  6. non compiere di propria iniziativa operazioni o manovre che non sono di competenza ovvero che possono compromettere la sicurezza propria o di altre persone;
  7. per le mansioni individuate dal medico competente nel piano sanitario, sottoporsi ai controlli sanitari previsti;
  8. contribuire all’adempimento di tutti gli obblighi imposti dall’autorità competente o comunque necessari per tutelare la sicurezza e la salute in Università;
  9. evitare comportamenti pericolosi per sé e per gli altri.

Alcuni esempi per concorrere a mantenere condizioni di sicurezza:

nei corridoi, sulle scale e negli atri:

  • non correre;
  • non depositare oggetti che possano ingombrare il passaggio;
  • lasciare libere le vie di passaggio e le uscite di emergenza;

negli istituti/dipartimenti, nei laboratori e in biblioteca:

  • seguire scrupolosamente le indicazioni del personale preposto;
  • prima di utilizzare qualsiasi apparecchio, attrezzatura o altro leggere le norme d’uso, le istruzioni e le indicazioni di sicurezza;
  • non utilizzare apparecchiature proprie senza specifica autorizzazione del personale preposto;
  • non svolgere attività diverse da quelle didattiche o autorizzate;

nei luoghi segnalati:

  • non fumare o accendere fiamme libere;
  • non accedere ai luoghi ove è indicato il divieto di accesso;

in caso di emergenza:

  • mantenere la calma;
  • segnalare immediatamente l’emergenza in corso al personale presente e/o ai numeri di telefono indicati;
  • utilizzare i dispositivi di protezione antincendio per spegnere un focolaio solo se ragionevolmente sicuri di riuscirvi (focolaio di dimensioni limitate) e assicurarsi di avere sempre una via di fuga praticabile e sicura

in caso di evacuazione (annunciata da un messaggio audio-diffuso)

  • seguire le indicazioni fornite dal personale della squadra di emergenza;
  • non usare ascensori;
  • raggiungere al più presto luoghi aperti a cielo libero seguendo la cartellonistica predisposta;
  • recarsi al punto di raccolta più vicino (indicato nelle planimetrie esposte nell’edificio);
  • verificare che tutte le persone che erano presenti si siano potute mettere in situazione di sicurezza;
  • segnalare il caso di un’eventuale persona dispersa al personale della squadra di emergenza.

Durante il terremoto:

  • mettersi al riparo sotto una scrivania;
  • ripararsi sotto lo stipite di una porta;
  • stare lontano da librerie o mobili che possono cadere su di voi;
  • stare lontano da finestre o porte a vetro;
  • rimanere all’interno della stanza fino a quando la scossa si interrompe;
  • se ci si trova all’aperto, allontanarsi da edifici, alberi e linee elettriche.

Criteri generali per evacuare persone con disabilità

Accompagnare, o far accompagnare, le persone con capacità motorie o sensoriali ridotte all’esterno dell’edificio; se non è possibile raggiungere l’esterno dell’edificio, provvedere al loro trasporto, in attesa dei soccorsi, fino ad un luogo idoneo (spazio calmo o luogo sicuro), indicati sulle piante di emergenza, o in luoghi non interessati direttamente dall’emergenza, segnalare al NUMERO DI EMERGENZA 2000 e/o all’addetto all’emergenza del punto di raccolta l’avvenuta evacuazione del disabile o l’impossibilità di effettuarla indicando la sua posizione all’interno dell’edificio.

Divieti

In tutte le sedi dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, nei limiti e con le modalità stabilite dalla normativa in materia, vige il divieto di fumo.

Numeri di emergenza:
Per segnalazioni riguardanti la sicurezza utilizzare i seguenti numeri di emergenza:

  • Soccorso Interno di Emergenza 
    2000
    02/72342000 da fuori U.C. o da tel. cellulare.
  • Vigilanza
    2262
    02/72342262 da fuori U.C. o da tel. cellulare.

Per chiarimenti o approfondimenti contattare:
Servizio Prevenzione e Protezione: marco.bolzoni@unicatt.it carlo.testa@unicatt.it

Numero unico dell’emergenza per attivare i soccorsi esterni: 112