Università Cattolica del Sacro Cuore

Cenni storici

Milano, 7 dicembre 1921. La cerimonia di inaugurazione dell’Università Cattolica nell’aula magna della sede originaria di via Sant’Agnese

Il più importante ateneo cattolico d’Europa è stato fondato nel 1921 da padre Agostino Gemelli insieme a un gruppo di intellettuali cattolici: Ludovico Necchi, Francesco Olgiati, Armida Barelli ed Ernesto Lombardo.

Tutto nasce l'anno precedente quando viene creato l'Istituto Giuseppe Toniolo di Studi Superiori, ente fondatore dell'Ateneo. Alla fine dell'anno successivo, il 7 dicembre 1921, l’Università Cattolica del Sacro Cuore viene inaugurata ufficialmente a Milano alla presenza dell’arcivescovo della città, cardinale Achille Ratti, futuro Papa Pio XI. Nel 1924 arriva il riconoscimento statale come università libera.

Nel 1927 l'Ateneo acquisisce l’antico monastero di Sant'Ambrogio progettato dal Bramante. Dal 30 ottobre 1932 l'edificio diviene la Sede centrale dell’Università. L'opera di riqualificazione, restauro e ampliamento della struttura con nuovi edifici viene affidata all’architetto Giovanni Muzio.

Nel dopoguerra viene edificata la Sede di Piacenza, attiva a partire dall’anno accademico 1952-53. Nel 1964 viene inaugurato a Roma il Policlinico Universitario “Agostino Gemelli” annesso alla Facoltà di Medicina e chirurgia, che aveva iniziato le sue attività nel 1961. Nel 1965 si inaugura la Sede di Brescia mentre nel 1984 iniziano le prime lezioni nel Campus di Cremona.

La storia dell'Università Cattolica - versione estesa (17,66 KB)

Fonti bibliografiche sulla storia dell'Università Cattolica del Sacro Cuore (15,56 KB)