Università Cattolica del Sacro Cuore

Il contributo fondamentale del Terzo Settore

 

"L’emergenza ci sta mettendo a dura prova. Le nostre organizzazioni stanno affrontando con coraggio e responsabilità questo momento difficile, dando un sostegno fondamentale ai cittadini più fragili e con più difficoltà", sottolinea la portavoce del Forum del Terzo Settore, Claudia Fiaschi, "la nostra preoccupazione va però al dopo emergenza, la ricostruzione sarà molto impegnativa e richiederà un impegno forte di tutti quanti".

"Negli scorsi giorni nelle sue vesti di portavoce nazionale del Forum del Terzo Settore ha presentato una memoria contenente gli emendamenti al DL 18/2020 (Cura Italia). Una serie di interventi che hanno l’obiettivo di sostenere «le organizzazioni, i volontari e gli operatori che stanno affrontando con coraggio e responsabilità questo momento difficile, dando un sostegno fondamentale ai cittadini più fragili e più in difficoltà. Tanti volontari e tanti operatori stanno continuando a fornire servizi ad anziani soli o persone malate o con disabilità, a minori, persone con dipendenze, a senza fissa dimora e migranti, attivandosi anche con forme di sostegno a distanza». Ma il sostegno nell’emergenza non può essere sufficiente. Nelle ore in cui, toccato il picco, l’Istituto Superiore di Sanità ipotizza la discesa dei contagi e il ministro della Salute Roberto Speranza sottolinea in Parlamento il contributo fondamentale dato dal sociale e dal Terzo Settore, occorre cominciare a immaginare anche il dopo coronavirus." Per la ripartenza Claudia Fiaschi avanza una richiesta chiara e precisa: «Serve un fondo nazionale di sostengo al Terzo Settore».


La riflessione (Vita) in merito al Decreto CuraItalia.
La proposta del Forum del Terzo Settore: "
Un Fondo nazionale per ripartire" (Vita).