Università Cattolica del Sacro Cuore

L’importanza delle partnership Profit - Non profit per un nuovo modello di sviluppo a vantaggio di tutti

 

I fatti recenti ci hanno mostrato come il nostro modello di società e di economia necessitino di un radicale cambiamento di impostazione e di concreto funzionamento. Viviamo infatti in equilibri economici e sociali sempre più fragili perché più fragili sono le persone, le famiglie, gli organismi sociali nonché gli stessi Stati: tutto ciò si verifica nell’emergenza ma anche nei trend di più lungo respiro. Solo per fare alcuni esempi: crescono gli indebitamenti degli Stati, la precarietà delle persone e del lavoro, la disparità nella distribuzione della ricchezza, ma anche la fragilità del tessuto economico e imprenditoriale; conseguentemente calano le protezioni sociali, economiche e quelle sanitarie, specie per le persone con più basso reddito e in generale più fragili. La finanza (peraltro sempre più di emergenza e derivata) e gli Stati arrivano solo fino a un certo punto. Tutto ciò ha importanti risvolti di carattere economico, sociale e anche sanitario, i quali peraltro costituiscono aspetti sempre più interdipendenti.

Anche le organizzazioni sociali (Imprese, Terzo Settore e Pubbliche amministrazioni locali) da sole arrivano fino a certo punto. Come sottolineato da Papa Francesco nell’Enciclica “Fratelli tutti”, oggi “nessuno può affrontare la vita in modo isolato (..)”. Lo sappiamo bene, basta una malattia, un virus o la perdita del posto di lavoro e le persone entrano automaticamente e immediatamente nell’ampia e multiforme categoria delle “fragilità”.  Inoltre oggi fragilità sanitaria significa anche fragilità personale, familiare, sociale e spesso anche economica (e viceversa).
Abbiamo chiaramente bisogno di modelli, di protezioni e di comportamenti nuovi, da tutti i punti di vista.

(...) La qualità dei ragionamenti, dei progetti e dei soggetti non costituiscono oggi un aspetto secondario e per questo motivo essi devono essere assolutamente ricercati e privilegiati nelle decisioni di supporto. Del resto, il progresso è sempre il frutto di collaborazioni di qualità, costruite attorno a progetti di alta qualità.


Leggi l'ampio approfondimento del Professore Marco Grumo (Professore Associato di Economia Aziendale presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore e Coordinatore Scientifico di Cattolicaper il Terzo Settore), pubblicato nella sezione News del sito della Fondazione Umberto Veronesi.