Università Cattolica del Sacro Cuore

"Migliorare la qualità e la prospettiva di vita delle persone"
La testimonianza della Fondazione Umberto Veronesi


Proseguono le prestigiose testimonianze nell’ambito del Corso executive “Costituzione e sviluppo delle Fondazioni imprenditoriali di famiglia e d’impresa alla luce della riforma del Terzo settore”.

Lo scorso 9 novembre, Fondazione Umberto Veronesi ha offerto ai corsisti una testimonianza molto efficace sulla propria costituzione e sugli importanti progetti di ricerca scientifica implementati.

"La Fondazione Veronesi costituisce una bestpractice non solo italiana per l'importante  impatto sociale che produce nella ricerca e al servizio dei giovani ricercatori. Rilevante  è anche la sua capacità di creare relazioni virtuose con il mondo delle imprese, da cui riceve un sostegno straordinario. Una realtà innovativa e di eccellenza del nostro Paese." (Prof. Marco Grumo, Direttore scientifico del Corso).

Anna Guatri, Responsabile CSR / Progetti Corporate e Fundraising, ha illustrato l’impegno gli sforzi della Fondazione nel portare avanti l’impegno medico e scientifico del Professore Umberto Veronesi, figura di riferimento per la lotta ai tumori e per la cultura scientifica internazionale.

La Fondazione nasce nel 2003 e concentra il proprio operato in 2 aree: il sostegno alla ricerca e la divulgazione scientifica,  fondamentale affinché le scoperte scientifiche diventino patrimonio comune e per la promozione della cultura della prevenzione.

L’importanza degli investimenti nella ricerca è oggi più che mai evidente a tutti, nella corsa alla produzione di un efficace vaccino anti Covid 19.

L’impegno nella promozione e nel finanziamento dei progetti ha consentito di raggiungere importanti traguardi; dal 2003 Fondazione Veronesi ha infatti attivato oltre 1760 borse di ricerca per medici e ricercatori e 119 progetti scientifici di alto livello. Nel 2020 supporta 186 ricercatori in 58 Centri di ricerca a livello nazionale.

L’impatto delle attività sulla collettività è misurabile sotto diversi aspetti; un esempio evidente è rappresentato dal fatto che ogni euro investito consente un risparmio pari a 2,9 euro nelle spese di prestazione e prevenzione.

La costruzione di un legame di fiducia con la società e tutti gli stakeholder basato su trasparenza, impegno e risultati coerenti è indispensabile alla riuscita delle attività di raccolta fondi, che derivano prevalentemente dal 5*1000, da donazioni e da lasciti testamentari.

Forte e significativo è il legame con le imprese; il loro ingaggio in termini di Corporate Social Responsibility attraverso iniziative in partnership con la Fondazione crea  valore con e per le comunità e i territori in cui operano, e contribuisce a promuovere la cultura della salute, della scienza e della prevenzione per tutti.

Un ulteriore aspetto da cui non si può prescindere per il buon funzionamento e per l’evoluzione delle Fondazioni è l’essere compliant rispetto alle regolamentazioni, come sottolineato infine da Sergio Vaglieri, Presidente del Collegio dei Revisori di Fondazione Veronesi, citando, in particolare, i necessari passaggi per ottemperare alle nuove disposizioni della riforma del Terzo settore.

 


L' Università Cattolica, in seno alle attività di Cattolica per il Terzo Settore, ha dato il via al nuovo Corso executive "Costituzione e sviluppo delle fondazioni imprenditoriali di famiglia e d'impresa alla luce della riforma del Terzo settore" frequentato da imprenditori senior, nomi noti dell'imprenditoria nazionale ma anche da medie imprese che, per fine corso, metteranno a punto un proprio progetto di Fondazione aziendale.


"Le Fondazioni? Fanno crescere"
L' approfondimento del Professore Marco Grumo edito da "La Provincia"


Per qualsiasi informazione, scriveteci: cattolicaperilterzosettore@unicatt.it