Università Cattolica del Sacro Cuore

«Io do a voi la lampada della mia fede» Paolo VI: Chiesa, cultura e università

Seminario  21 aprile 2015
Aula: Sala Negri da Oleggio -  Largo A. Gemelli, 1, Milano

«E l’incontro dove avviene? Avviene sulle soglie delle vostre aule; io non entrerò nelle vostre aule; là voi siete maestri e voi siete discenti. […] La mia verità si ferma alle soglie: e che cosa avviene? Direi un rito, su queste soglie: ci scambiamo la lampada; io do a voi la lampada della mia fede, della mia dottrina che vi rischiarerà al di fuori della cerchia dei vostri studi tutti quei perimetri chiusi e tenebrosi che non avreste saputo da voi esplorare […]. E voi date a me la vostra lampada che mi sarà cara, che mi sarà preziosa anche per il mio magistero e per il mio studio e il mio insegnamento e cioè mi insegnerà la scienza della parola, mi insegnerà ad approfondire quegli arcani accenti venuti da Dio e a tradurli in elementi e in alfabeto umano».

Dall’omelia in occasione della prima visita dell’Arcivescovo di Milano alla sede dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, per il cinquantesimo di professione religiosa di p. Agostino Gemelli (18 gennaio 1955)

Le due lampade - quella della fede e quella della ragione - sono sempre state il centro della riflessione, della spiritualità e del magistero di Paolo VI. Due lampade che illuminano l’unica realtà dell’uomo. Nel suo incarico come Assistente nazionale della FUCI (1925-1933) e nelle pagine di Coscienza universitaria, emerge come Giovanni Battista Montini abbia avuto a cuore l’animazione di un’azione pastorale che ricomponesse la «rottura tra Vangelo e cultura» (Evangelii Nuntiandi n. 20). A sessant’anni dalla prima visita dell’Arcivescovo Montini all’Università Cattolica e a pochi mesi dalla sua Beatificazione (19 ottobre 2014), desideriamo riflettere sul rapporto tra Chiesa e cultura, tra comunità cristiana e comunità accademica nel solco da lui tracciato. Le due lampade, unite e distinte, possono illuminare con un unico fascio di luce la bellezza e la verità dell’uomo. Soprattutto oggi l’umanità ha bisogno che lo scambio auspicato da Montini si rinnovi nella luce reciproca perché il cuore e la mente possano produrre quell’incessante ricerca che è l’orizzonte di chi si dedica allo studio in ogni campo del sapere.

PROGRAMMA

Ore 15.00

Saluti

  • Franco ANELLI, Magnifico Rettore dell’Università Cattolica del Sacro Cuore
  • S.E. Mons. Claudio GIULIODORI, Assistente ecclesiastico generale dell’Università Cattolica del Sacro Cuore
  • Mons. Luca BRESSAN, Vicario episcopale per la Cultura della Diocesi di Milano
  • Silvia LANDRA, Presidente dell’Azione Cattolica ambrosiana
  • Girolamo PUGLIESI, Presidente del Gruppo MEIC di Milano e dell’Università Cattolica
  • Maria Clotilde CORTELLINI e Saul BITTESNICH, Presidenti del Gruppi FUCI «G. Lazzati» dell’Università Cattolica

Ore 15.30

Interventi

  • Paolo VI nella cultura del Novecento
    Prof. Piero VIOTTO, Professore emerito di Pedagogia, Università Cattolica del Sacro Cuore
  • La ricomposizione della frattura tra Vangelo e cultura
    Prof. Don Angelo MAFFEIS, Professore di Teologia, Università Cattolica del Sacro Cuore, Presidente dell’Istituto Paolo VI
  • Eredità del pensiero di Montini nell’università e nella cultura
    Prof. Angelo BIANCHI, Professore di Storia moderna, Università Cattolica del Sacro Cuore, Preside delle Facoltà di Lettere e Filosofia
  • La FUCI e l’università oggi, nell’eredità di Montini
    Dott.ssa Rita PILOTTI, Presidente Nazionale FUCI

Ore 17.00

Dibattito

Ore 18.00

Celebrazione eucaristica presieduta da S.E. Mons. Claudio GIULIODORI nella Cappella del Sacro Cuore



E-mail:

eventi.milano@unicatt.it

Sponsorizzato da:

CENTRO PASTORALE

Pieghevole dell'evento (581,77 KB)