Università Cattolica del Sacro Cuore

Il Dante queriniano tra filologia e storia del manoscritto

Convegno  16 maggio 2017
Aula: Sala della Gloria -  Ore: 10.00
Via Trieste 17, Brescia

Il Dante queriniano tra filologia e storia del manoscritto

La giornata di studi prende in esame un codice trecentesco poco noto della Commedia posseduto dalla Biblioteca Queriniana, sottoponendolo ad analisi paleografica e codicologica con estensioni allo studio dei corredi di decorazione miniata. Il codice è inserito in un sistema compatto insieme a due altri codici materialmente e testualmente affini (Bombay, Asian Society, 19; Napoli, Biblioteca Nazionale ‘Vittorio Emanuele III, XIII.C.2) di cui si darà conto durante le relazioni. Sono previsti interventi di esperti di paleografia e di codicologia dantesca, di studiosi di miniatura e di filologi; una relazione è infine riservata ad una giovane laureata della sede bresciana dell’Università Cattolica.
Accanto alle conferenze è prevista una mostra che permetta – attraverso il confronto tra il codice queriniano e le fotoriproduzioni degli altri – di visualizzare la facies complessiva di questa famiglia di codici.

Il programma

Ore 10.00 Saluti introduttivi
Mario TACCOLINI, Prorettore Università Cattolica del Sacro Cuore

Introduzione alla Giornata di Studio
Marco GIOLA, Università Cattolica del Sacro Cuore

I SESSIONE

Presidente di sessione:
Elisabetta SELMI, Università degli Studi di Padova, Fondazione EULO

Copisti, scriptoria e famiglie di codici: una premessa
Marco GIOLA, Università Cattolica del Sacro Cuore

Brescia, Napoli e Bombay: tre manoscritti a confronto
Marisa BOSCHI ROTIROTI, Società Dantesca Italiana – Firenze

Note per la localizzazione linguistica di Quer. A II 1, Nap. XIII C 2 e Bombay.
Diego DOTTO, Opera del Vocabolario Italiano, CNR – Firenze

Ore 12.30 Pausa

Ore 14.00 II SESSIONE

Presidente di sessione:
Andrea CANOVA, Università Cattolica del Sacro Cuore

Il codice Quer. A II 1 nella tradizione tosco-fiorentina della «Commedia».
Elisabettta TONELLO, Università degli Studi di Ferrara

I tre manoscritti di Brescia, Napoli e Bombay: proposte per l’identificazione di una famiglia.
Francesca DADA, Università Cattolica del Sacro Cuore


Note per i docenti
Il convegno rientra nelle iniziative di formazione e aggiornamento dei docenti realizzate dalle università e automaticamente riconosciute dall’Amministrazione scolastica, secondo la normativa vigente, e danno luogo - per insegnanti di ogni ordine e grado - agli effetti giuridici ed economici della partecipazione alle iniziative di formazione.



In collaborazione con:

Facoltà di Lettere e filosofia
Dipartimento di Scienze storiche e filologiche

Con il supporto di:
Fondazione Eulo



La locandina (338,84 KB)