Università Cattolica del Sacro Cuore

Viaggiare è conoscere, crescere e intrecciare relazioni umane, il che può contemplare anche un momento di formazione personale più strutturata: prendersi una pausa per dedicarsi ad approfondire un tema, per migliorare o perfezionare le proprie competenze professionali rispetto a uno specifico ambito o per confrontarsi con la propria comunità scientifica di riferimento può infatti essere un modo diverso di vivere le vacanze. E ciò soprattutto quando il “luogo” di questo apprendimento ha una qualità estetica e culturale che ci permette di vivere un’esperienza di comprehensive knowledge.

Le Summer School di Università Cattolica

Per questo, le  Summer School di Università Cattolica si svolgono in alcune tra le più belle località italiane, scommettendo sull’influsso che l’ambiente può portare alla conoscenza: studiare il Romanico in un antico monastero medievale sulla strada che dalla Valle Imagna porta fino a Bergamo, leggere Dante nella città che ne ha accolto l’esilio e ora custodisce il suo corpo; oppure scoprire la musica di Schumann soggiornando sul Lago Maggiore consente di vivere un dialogo tra testo e contesto, tra lezioni, luoghi e incontri che facilita l’apprendimento e la creazione di reti di relazioni.

Qualcuno le assimila addirittura – non senza il rischio di banalizzare – a forme di slow tourism. In effetti, gli ingredienti ci sono tutti: città d’arte, luoghi di particolare fascino paesaggistico, temi di primo piano nel dibattito culturale contemporaneo, docenti e professionisti qualificati a guidare i percorsi. Né mancano i rapporti con le istituzioni locali, la partecipazione agli eventi artistico-culturali, l’impatto con la cultura enogastronomica del territorio.

“Quel che è certo è che sono sempre di più le persone che ogni anno si rivolgono al nostro Ateneo per perfezionare la propria preparazione, approfondire alcuni temi di ricerca, dedicarsi alla scoperta della letteratura, della storia dell’arte, della musica, del cinema – spiega Roberto Brambilla, Direttore Formazione Postlaurea e Research Partnership dell’Università -, i più giovani dicono che questa tipologia di percorsi è importante per la scrittura della tesi e per il curriculum. Chi lavora, invece, sente il bisogno di staccarsi dall’operatività per immergersi nella storia e nella cultura. In realtà valgono tutte, queste motivazioni. Ed è interessante cogliere come le Summer School di Università Cattolica siano effettivamente in grado di rispondere alle aspettative più differenti.”

Viaggio nel viaggio: un nuovo corso a Sarzana per comunicare il turismo

Anche alle aspettative di chi del viaggio vuole farne una professione:  nello splendido borgo di Sarzana, gioiello turistico e culla del Festival della Mente, si può infatti studiare comunicazione turistica con la Summer School “Il viaggio e il suo racconto”. Un meta-viaggio, per i partecipanti, nei territori della scrittura creativa, del videomaking, della fotografia e del disegno per raccontare la geografia, i territori e le loro bellezze.